Armando Caligiuri, elettroni in movimento
Benvenuti sul mio sito, novità e aggiornamenti dagli elettroni in movimento. Pagina dedicata ai componenti elettronici passivi
      Home     Elettronica     Informatica      Radiantismo       Chi sono          Contatti
                                                                                 
                                              



                                                     Componenti elettronici passivi
.

 

I componenti passivi più utilizzati sono le resistenze, le capacità (o condensatori) e i fusibili.

Le resistenze sono componenti elettronici il cui valore si misura in Ω che servono (tramite l' attitudine a farsi attraversare o meno dalla corrente che dipende dal loro valore) ad ottenere in un dato punto del circuito correnti e tensioni calcolate in fase di progetto. A seconda della corrente che le deve attraversare sono disponibili in vari valori e potenze (e quindi grandezza del contenitore)

                          
     Resistenze da 1/4 di Watt con il loro codice dei colori                                                                        Simbolo utilizzato negli schemi elettrici per rappresentare la resistenza

Per stabilire il valore de
lle resistenze è utilizzato il codice dei colori come da immagine sotto, cliccarci sù per ingrandirla:

                         
    Tabella codice dei colori resistenze                                                                                                            Resistenza da 1/4 di W e valore 1400Ω con tolleranza 5%                                                                                                                   
Utilizzare il codice è semplice, basta guardare i primi due colori colori iniziando da quello più vicino ai reofori (terminali di collegamento) e aggiungere tanti zeri come indicato dal coefficiente di moltiplicazione rappresentato dal terzo colore.
Esempio, abbiamo una resistenza con i seguenti colori. marrone, nero, rosso, si legge così: guardando la tabella vediamo che il marrone corrisponde al numero 1, il nero corrisponde al numero 0, quindi otteniamo il numero 10, a questo punto vedendo che il rosso corrisponde al numero 2 aggiungiamo due zeri e il nostro numero diventa 10+due zeri=1000 cioè 1000Ω.
La quarta fascia di colore rappresenta la tolleranza, cioè di quanto si può spostare in più o in meno il valore effettivo del resistore rispetto al valore nominale, ad esempio un resistore da 100Ω con tolleranza del 5% può avere un valore reale da 95Ω a 105Ω, la mancanza della quarta fascia colorata indica una tolleranza del 20% (resistori in disuso da molti anni).
Esistono resistenze di alta potenza con corpo ceramico in cui il valore e la potenza vengono indicati direttamente tramite stampa sul contenitore.

Vengono fabbricate anche resistenze il cui valore può essere variato manualmente (reostati e potenziometri), e resistenze automatiche (NTC e PTC sensibili al calore), per approfondimenti contattatemi andando sulla pagina "contatti"


I
condensatori o capacità elettriche, sono componenti elettronici passivi il cui valore si misura in Farad (simbolo F, si utilizzano i sottomultipli pF e µF) costituiti da due armature con frapposto un dielettrico in materiale isolante, essi servono ad immagazzinare energia sotto forma di campo elettrostatico per poi restituirla quando richiesto, vengono utilizzati nei circuiti grazie alle loro proprietà di fungere da filtro, da disaccoppiatori, da sfasatori o rifasatori (perche introducono un ritardo nella restituzione del segnale immagazzinato) da accordatori di linee trasmissive (vedi pagina radiantismo) e alla loro proprietà di bloccare la corrente continua e far passare solo correnti alternate (sfruttando la reattanza capacitiva, cioè l' attitudine a farsi attraversare da correnti più intense via via che si sale di frequenza).
Esistono vari tipi di condensatori, i più importanti sono gli elettrolitici (usati per grosse capacità), i ceramici e i poliestere, il nome è dovuto alla composizione del dielettrico (se poliestere, significa che il dielettrico è costituito da materiale poliestere,  se ceramico, con materiale ceramico), può essere usata come dielettrico anche l' aria (con ovvie limitazioni). La massima differenza di potenziale applicabile al condensatore dipende dallo spessore del dielettrico, superandola avviene un avvenimento distruttivo per il componente, cioè la perforazione o scarica attraverso il dielettrico che rende lo stesso inservibile (cortocircuito), essa viene stampigliata sul contenitore assieme alla capacità ed indicata come Vl (Volt lavoro).
Vengono fabbricati anche condensatori a valore variabile manualmente (condensatori variabili), per approfondimenti contattatemi andando sulla pagina "contatti"

                          
 
Condensatori ceramici ed elettrolitici                                                                                   Simbolo utilizzato negli schemi elettrici per rappresentare la capacità
                                         
                           
  Condensatori poliestere a tubo                                                                                                                         Condensatori chip a montaggio superficiale(SMD)


Capire il valore dei condensatori non è difficile, basta capire la regola, per quanto riguarda gli elettrolitici troverete tutto stampigliato chiaramente sul contenitore compresa la polarità, si perchè bisogna fare attenzione, gli elettrolitici sono componenti polarizzati, non si può collegarli a casaccio, altrimenti avviene la distruzione del componente (esplosione) che può essere anche pericolosa se si tratta di un condensatore di alta capacità.
Per i ceramici fate riferimento alla tabella reperibile a questo link.
Per i condensatori poliestere fate riferimento alla tabella reperibile a questo link.
Per i condensatori chip a montaggio superficiale (SMD) è impossibile risalire al valore senza ricorrere allo schema elettrico o al capacimetro.

I
fusibili sono componenti deputati alla protezione dei circuiti elettrici, sono componenti semplici ma importanti, c'è un fusibile in ogni apparecchio elettrico o elettronico. La loro funzione è quella di interrompersi se l' intensità della corrente supera quella prestabilita dal costruttore dell' apparato, in pratica in caso di cortocircuito o altro malfunzionamento che faccia alzare la corrente assorbita in modo pericoloso il  fusibile si interrompe e apre il circuito, onde evitare surriscaldamenti ed incendi. Esistono fusibili rapidi (che si interrompono subito), semiritardati (leggermente ritardati all' interruzione) e ritardati (vi è un tempo prestabilito prima dell' interruzione) in modo da soddisfare ogni esigenza. Vengono fabbricati anche fusibili autoripristinanti, ma solo per piccole correnti.

                            
 
Vari tipi di fusibile, tra cui quello giallo del tipo autoripristinante (wikipedia)                                                               Simbolo elettrico fusibile

Il valore della corrente massima che li può attraversare e la tensione applicabile è stampigliato direttamente sul fusibile.

I componenti passivi non sono solo quelli esposti prima, ve ne sono tanti altri, tra gli altri si possono menzionare:
Induttanza o bobina, relais o relè, VDR, interruttori e deviatori, buzzer passivi, quarzi,  se volete saperne di più o vi serve una consulenza professionale potete mettervi in contatto con me tramite la pagina Contatti.

A seguire una serie di immagini che vi faranno riconoscere meglio i componenti appena trattati, cliccate sulle immagini per ingrandirle e visualizzarle meglio.

                          
 
A scendere, elettrolitici, poliestere fusibili e induttanza, resistori di vario valore                             Induttanze, condensatori elettrolitici solidi e componenti attivi (MOSFET)

                      
 
Microfusibile SMD                                                                                    In primo piano Resistore NTC e fusibile danneggiato

                                           

 
Quarzi                                                                                                                                                                Sullo sfondo induttanze (verdi), condensatori e resistori SMD

Naturalmente è impossibile condensare tutti questi concetti in poco spazio, la mia vuole essere solo una buona guida per chi si affaccia a questo fantastico mondo, è possibile comunque approfondire o richiedere una consulenza professionale contattandomi, per questo andate alla pagina contatti.
Questa pagina si arricchirà in futuro con progetti elettronici pronti da realizzare e che serviranno a mettere meglio a fuoco quanto detto finora.
Grazie di aver visitato il mio sito web e di aver seguito la mia guida, tornate a visitarlo.

                      
                           
Ritorna alla pagina "Elettronica"          vai alla pagina "Componenti attivi"             Vai alla "HOME"            


                                                                                
                                          
Armando Caligiuri, Electronic senior expert, electronic and I.T. maintainer, I.T. consultant.      e-mail: info@armandocaligiuri.it
 Creato e mantenuto da Armando Caligiuri, (C) 2017, V1.0.0